“In quest’azzurrità…”

Il viaggiatore che capita a Camogli, si rende subito conto di non trovarsi in una città, ma in un quadro di De Chirico. Tutto ha una fissità quasi metafisica:  il clima caldo umido e opprimente;  le case, che non sono case ma improbabili palazzoni altissimi a inguaiare l’orizzonte;  le scalinate interminabili;  i colori sgargianti;  i gesti antichi dei pescatori e la durezza della loro vita.

img_8321

img_8314-jpgx-jpgx

I decori trompe-l’oeil sono caratteristici.

img_8312

img_8313

Sia ben chiaro: il posto è unico e bellissimo;  si capisce che le case sono costruite in altezza per rubare ogni possibile boccone di terra al mare e alla montagna,  ma a me Camogli più che a un luogo di vacanza fa pensare ad un luogo di meditazione.

img_8322-jpgcc

img_8322-jpgcc-jpgccc

Non poteva mancare il  “pino sul mare”…

img_8309-jpgx

img_8325

( Il titolo del post e’ il verso di una canzone di Renato Zero.).

Azure window. The traveller arrived in Camogli  has the impression to be imprisoned in its secluded,  unique panorama:  high premises cut the horizon out into a small unreal place.  The weather is hot and humid,  the sun gives no relief;  fishermen carry on their hard lives  under an indifferent azure sky.    And yet outstanding.  Almost metaphysical.  Almost a place for meditation.

(The title of the post is a line from a song by the Italian singer Renato Zero).


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s