Where

fffIn questa cartina fisica si puo’ vedere chiaramente che il territorio Finlandese è dotato di pochi rilievi; le montagne piu’ alte  superano a malapena i 1.300 metri. Questo perche’ si tratta di un territorio antico, formatosi in ere molto anteriori alla nostra penisola.  Ciò non significa che  sia completamente piatto: per la verità è molto scollinato e ci si rende conto di questo  non appena si sale su una  bicicletta e si inizia a pedalare!

Il Paese è ricoperto di foreste di conifere, alternate a betulle, ontani e, nell’estremo sud,  pioppi tremuli e  frassini. L’agricoltura è molto presente, prevalentemente cerealicola. Una grossa parte di territorio è occupata dai 188.000 laghi.

I centri maggiori sono: Helsinki, la capitale;  Turku,  capitale del Paese fino ai primi dell’800;  Tampere, città industriale;  Oulu e Rovaniemi, alle porte della Lapponia. A Rovaniemi si trova anche il Santa Claus’ Village, con  l’ Official Post Office, centro di smistamento postale di tutte le letterine al Babbo che arrivano qui da ogni parte del mondo.

La residenza ufficiale di Babbo Natale comunque,  luogo impervio e segretissimo,  è la montagna di Korvatunturi, nel nord-est del Paese. Il nome significa letteralmente: “Monte dell’orecchio”,  poiche’ il Babbo  “ascolta”  le preghierine di tutti i bambini.  Questa storia, che Risto mi ha raccontato  agli albori della nostra conoscenza,  è nel cuore di ogni bimbo  Finlandese.

In questa seconda cartina, ci si rende conto della posizione di Somero: nell’estremo sud del Paese e  praticamente equidistante dalle maggiori citta’ : 80 km circa da Turku e un centinaio da Helsinki e Tampere.  Vicino a Somero, i centri piu’ popolosi  sono Salo e Forssa,  entrambi contano circa 20.000 abitanti,  mentre Somero ne ha 10.000.

img_1225

img_1223Il rapporto fra la superficie dei centri abitati e il numero di abitanti qui e’ totalmente diverso che in Italia: il territorio e’ ampio e scarsamente popolato. I Finlandesi amano stare larghi, per cui cercano di avere cortili e giardini attorno a casa, magari circondati da alberi, per godersi la propria privacy.  A parte gli appartamenti nei condomini delle vie centrali dei paesi,  le case sono sempre distanziate fra loro,  quasi sparpagliate sul territorio.  Non esistono, pero’,  recinzioni o cancelli per le proprieta’;  le uniche barriere sono siepi di abeti o betulle. (continua).