Io sono l’altro.

(English text at the bottom)Lamminiemi (12)

Buona domenica estiva,   cari lettori!

Proprio oggi nella calura e nel solleone vi propongo un brano che fa riflettere.  A me e’ piaciuto moltissimo gia’ al primo ascolto,  anche perche’ gli si possono dare mille interpretazioni a seconda del nostro percorso di vita.

La canzone e’ di Niccolo’ Fabi e si intitola:  Io sono l’altro.  Riporto anche il testo:  davvero poetico.  Non e’ improbabile che vi riconosciate  in una delle categorie…

Buon ascolto!  https://www.youtube.com/watch?v=cLRe-RmVfic

Io sono l’altro
Sono quello che spaventa
Sono quello che ti dorme nella stanza accanto.
Io sono l’altro
Puoi trovarmi nello specchio
La tua immagine riflessa, il contrario di te stesso.
Io sono l’altro
Sono l’ombra del tuo corpo
Sono l’ombra del tuo mondo
Quello che fa il lavoro sporco
Al tuo posto.
Sono quello che ti anticipa al parcheggio
E ti ritarda la partenza,
Il marito della donna di cui ti sei innamorato
Sono quello che hanno assunto quando ti hanno licenziato.
Quello che dorme sui cartoni alla stazione
Sono il nero sul barcone,
Sono quello che ti sembra più sereno
Perché è nato fortunato o solo perché ha vent’anni in meno.
Quelli che vedi sono solo i miei vestiti
Adesso facci un giro e poi mi dici.
E poi
Io sono il velo
Che copre il viso delle donne
Ogni scelta o posizione che non si comprende.
Io sono l’altro
Quello che il tuo stesso mare
Lo vede dalla riva opposta
Io sono tuo fratello, quello bello.
Sono il chirurgo che ti opera domani
Quello che guida mentre dormi
Quello che urla come un pazzo e ti sta seduto accanto
Il donatore che aspettavi per il tuo trapianto.
Sono il padre del bambino
Handicappato che sta in classe con tuo figlio
Il direttore della banca dove hai domandato un fido
Quello che è stato condannato
Il presidente del consiglio.
Quelli che vedi sono solo i miei vestiti
Adesso vacci a fare un giro
E poi mi dici.
E poi mi dici
Mi dici
Poi poi mi dici
Poi poi mi dici
Poi poi
Mi dici


Happy Summer Sunday,  dear readers!

Today,  in the heat of summer,  I have chosen a song with wonderful lyrics which will certainly touch you,  also because you can give your own interpretation,  according to your own life experience.  I heard it on the radio and liked it immediately. 

It is about italian singer Niccolo’ Fabi and his:  Io sono l’altro (I am the Other).  The lyrics are here below.  It is not improbable that you find yourselves in one of the categories described…

Enjoy it!    https://www.youtube.com/watch?v=cLRe-RmVfic

I am the other

I’m the scary one

I’m the one who sleeps in the next room.

I am the other

You can find me in the mirror

Your reflection, the opposite of yourself.

I am the other

I am the shadow of your body

I am the shadow of your world

The one who does the dirty job

In your place.

I’m the one before you at the parking lot

And delays your departure,

The husband of the woman you’ve fallen in love with

I’m the one they hired when they fired you.

The one who sleeps on cartons at the station

I’m the black man on the boat,

I am the one who seems most peaceful 

Because he was born lucky or just because he is twenty years younger.

What you see are just my clothes

Now take a stroll in my shoes and then you tell me.

And then

I am the veil covering the face of women

Any choice or idea that you do not understand.

I am the other

The one who sees your own sea

From the opposite shore

I am your brother, the handsome one.

I’m the surgeon who will operate you on tomorrow

The one that drives while you sleep

The one who screams like a madman and sits next to you

The donor you were expecting for your transplant.

I am the father of the handicapped child who is in the same class with your child

The manager of the bank where you applied for a credit line

The one who was condemned

The chairman of the board.

What you see are just my clothes

Now go for a stroll in my shoes

And then you tell me.

And then you tell me

Tell me

Then then you tell me

Then then you tell me

Then then Tell me.

****


19 thoughts on “Io sono l’altro.

  1. Non male come testo.
    Sono le persone che stanno dall’altra parte.
    Quelle che spesso giudichiamo, o che non sopportiamo.
    Ma persone come noi, con i nostri stessi pensieri.
    Noi siamo loro.

    Liked by 2 people

  2. Non la conoscevo nemmeno io e devo dire che le parole “adesso vacci a fare un giro poi mi dici” vanno davvero ripetute all’inverosimile.
    Troppo spesso si giudica senza sapere, troppo spesso si sentenzia senza aver provato mai:
    GRAZIE Luisella!

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s